Questo script serve a gestire i cookies
Banner Bilancio Partecipativo Comune di Parma
» Home Page » Progetti
 I Progetti back
Un " nuovo" Parco Mordacci

Un parco che cresce per la comunità.
per votare bisogna essere autenticati
PROGETTO PRESENTATO DAL CCV: Q.RE PABLO
PERIODO DI COMPETENZA: ANNO 2017
AMBITO: SPORT, SOCIALE, QUALITÀ URBANA, INFRASTRUTTURE, BENESSERE GIOVANILE E GIOVANI
PROPONENTE: CCV PABLO

I parchi cittadini sono potenzialmente ottimi incubatori di comunità, tuttavia se non vengono curati costantemente da numerosi soggetti e non sono vissuti dalla cittadinanza come luoghi di relazioni forti, rischiano di essere colonizzati da presenze che ne minano l'accessibilità sociale (es. spaccio) e sono connotati come posti non sicuri, da evitare, creando una spirale di progressivo degrado.
Il Parco Davide Testoni di Via Mordacci, unico nel quartiere Crocetta, abitato da giovani, bambini, famiglie e anziani, italiani e stranieri, negli ultimi anni è caratterizzato da poca sicurezza, conflitti interetnici nelle notti estive, spaccio e degrado, perdita della convivialità e della partecipazione, fino al rischio di spopolamento. 
L’obiettivo generale di riqualificazione e rivitalizzazione del “Parco Mordacci” si declina attraverso alcuni obiettivi specifici: Garantire un maggiore presidio sociale di comunità
Favorire l’utilizzo del parco da parte dei diversi gruppi che lo popolano con migliori relazioni intergenerazionali ed interculturali, puntando all’inclusione di persone e gruppi più vulnerabili
Creare maggiore conoscenza, scambio, intensificazione delle relazioni sociali e collaborazioni fra le persone e le realtà che vivono il parco, ricreando legami da tempo perduti di prossimità e fiducia reciproca
Costituire una partnership di attori locali vecchi e nuovi che gestiscano l’area verde secondo una logica di collaborazione, scambio e reciprocità 
Realizzare interventi strutturali migliorativiIncremento delle opportunità conviviali, aggregative ed inclusive, di intrattenimento e di carattere culturale, attraverso eventi straordinari e ordinari.I destinatari target di progetto saranno : Gruppi di bambini, adolescenti e preadolescenti Famiglie con bambini, nonni, madri che utilizzano il parco giochi 
Adulti, famiglie ed anziani che partecipano alle iniziative organizzate dalla rete di realtà promotrici
Vari gruppi di stranieri
Persone che passeggiano coi cani e praticano sport


BISOGNI SU CUI AGISCE IL PROGETTO
Il Parco Testoni si colloca nel quartiere Crocetta, zona urbana pre-periferica fra la ferrovia, la tangenziale e la via Emilia, densamente popolata, porta di entrata nella città di Parma da Ovest. La Crocetta è un quartiere piccolo ma a sé stante, collocato formalmente nel San Pancrazio, in realtà all’incrocio fra il Pablo, il San Pancrazio e il Molinetto, avente una propria identità specifica.Poiché non esistono dati sulla sola Crocetta, si fa riferimento ai dati del quartiere San Pancrazio, pubblicati dall’Ufficio di statistica del Comune di Parma nel 2015. 
I residenti sono 9.900, di cui il 14,5 % stranieri con un aumento di tale percentuale del 4% rispetto al 2014. I minori di età compresa fra 0 e 14 anni sono 1.425; mentre quelli di età compresa fra 15 e 19 sono 1.344. 
La media dei componenti familiari è 2,20. Si ritiene che forte sarà la potenzialità di coinvolgimento della cittadinanza anche a partire dal numero di associati ed iscritti ai circoli e alle associazioni aventi sede nel quartiere e promotori del progetto che in tutto raggiungono circa le 6.000 persone. 

MOTIVAZIONI
Beneficio principale del progetto è quello di un parco vissuto ed animato con continuità, presidiato socialmente, più sicuro, bello, fruibile. 
Si intende favorire la partecipazione da parte di molte persone in qualità di fruitori ma anche di volontari attivi. 
Le azioni previste dal progetto attengono a tre aree differenti: Ambito della partecipazione e della progettazione partecipata 
Si tratta di attivare una partecipazione dal basso, già avviata parzialmente da circa un anno.. La domanda che viene posta è: “cosa vedete nel futuro di questo parco e cosa sareste disponibili a offrire”? 
Alcune pratiche partecipative previste: incontri di audit individuali, assemblee ristrette con circoli e associazioni, incontri informali con residenti e cittadini, con gruppi informali di giovani, info day, assemblee pubbliche. 
Ambito della ristrutturazione degli interventi di riqualificazione 
Costruzione di un’area cani, 
Collocazione di una struttura per l’ombreggiamento per favorire l'aggregazione estiva 
Per il futuro, con l’eventuale contributo di Fondazione Cariparma e/o da parte di altri sponsor, sono emerse altre proposte da parte della comunità quali: 
Costruzione di una palestra all’aperto, percorso salute Collocazione di un piccolo punto ristoro/bar in maniera fissa oppure mobile (ad esempio tramite un’ape car tipo street food) 

INTEGRAZIONE CON ATTIVITA' GIA' SVOLTE O IN VIA DI SVOLGIMENTO
Il progetto è esito di un processo attivato dal 2015 da un gruppo di realtà promotrici che hanno interloquito da un lato con la cittadinanza e dall'altro con l'Amministrazione Comunale (tramite il S.O. Giovani di cui sopra), costruendo così un percorso di condivisione di idee, obiettivi ed azioni. Tale processo ha portato anche alla partecipazione al laboratorio Es.prit promosso da Fondazione Cariparma denominato “Luoghi incubatori di comunità”, il cui esito è stata una bozza progettuale triennale, dal titolo “Parchi di Comunità”, presentata dal gruppo di progetto alla Fondazione ed attualmente in attesa di risposta.   

PRINCIPALI DOTAZIONI RICHIESTE

Si richiedono i seguenti interventi: 
Inserimento di un’area cani, fortemente richiesta dai cittadini a causa dell'impossibilità di accedere ai prati con bambini dovuta alla presenza di deiezioni animali. 
Non si è individuata una posizione specifica per l’area cani ma si suppone di individuarla insieme al Comune anche in base alla norme igienico sanitarie vigenti. 
Collocazione di una struttura per ombreggiamento per favorire l'aggregazione estiva sia di giovani che di anziani. 
Non si è identificato un modello preciso, potrebbe trattarsi di una pergola o di un gazebo, fissi o removibili . 
Si ritiene opportuno potere coprire una metratura di 30 mt2, o in alternativa prevedere più strutture in punti diversi del parco che coprano circa 10 mt2 ciascuna. 
Sempre in base al costo di tali strutture si potrebbero inserire eventuali tavoli e arredamenti per esterni.