Questo script serve a gestire i cookies
Banner Bilancio Partecipativo Comune di Parma
» Home Page » Progetti
 I Progetti back
Parco Savinio / Parco Zoni

Installazione di nuove opere su aree pubbliche
per votare bisogna essere autenticati
PROGETTO PRESENTATO DAL CCV: Q.RE LUBIANA
PERIODO DI COMPETENZA: ANNO 2017
AMBITO: QUALITÀ URBANA, INFRASTRUTTURE
PROPONENTE: CCV LUBIANA

Il progetto in descrizione riguarda l'installazione di nuove opere su  aree pubbliche,  in due differenti comprensori residenziali posti nella zona est del quartiere Lubiana tra via Marconi,il tratto finale di via Sidoli e via De Chirico, già destinate dallo strumento urbanistico a parco o verde pubblico.  

PARCO DI VIA SAVINIO
L'area di via Savinio è composta da alcuni ampi terreni residuali alla costruzione del comprensorio residenziale dei Sette Nani, edificato tra il 2006 e il 2014, costituito da sette edifici condominiali. 
Le oltre 300 famiglie che vi abitano, comprese quelle che vivono sul prolungamento di via De Chirico, non hanno avuto il beneficio del completamento delle opere pubbliche previste dal Piano urbanistico.
 L'area verde in oggetto (che copre circa 25000 mq) si dispone tra via Savinio, via De Chirico e via Carboni, ed è attraversata da  un elettrodotto la cui fascia di rispetto sembra ridurre gli spazi disponibili all'insediamento di strutture fisse per il tempo libero.
 Le porzioni di area libere dalla fascia di rispetto da quanto emerge dalla cartografia urbanistica comunale sarebbero 4 quattro (vedi allegato A, numeri 1, 2, 3 e 4). 
La loro reale estensione dipende dall'esatta definizione della fascia di rispetto all'elettrodotto secondo la normativa vigente. Di queste quattro partizioni di area si ritiene che le prime tre, poste a destra e sinistra di via Savinio e, di seguito, di via De Chirico, possano essere adatte ad accogliere infrastrutture per il tempo libero della popolazione.
La quarta, posta ad est di via Carboni è, assieme a quelle poste sotto fascia elettrodotto (nr.5 e 6), semplicemente da dotare di vegetazione adeguata o di percorsi interni pedonali per passeggiare o correre. 
Le strutture necessarie sono alcuni giochi bimbi, attrezzi per ginnastica ragazzi e adulti, alcune panchine con tavoli, cestini e opere necessarie (illuminazione, stradelli in ghiaietto battuto, bacheca avvisi e regolamento area e cestini)  e una alberatura che porti un poco di ombra, atteso che gli alberi presenti non sono adatti allo scopo. 

 PARCO DI VIA ZONI
L'area per la quale è previsto l'altro intervento di questo progetto è compresa tra via Zoni e Stradello Padova (vedi allegato B). 
Il luogo di cui sopra, inizialmente inteso e progettato con aree attrezzate recintate e vialetti pedonali alberati, si presenta attualmente spoglio, in stato di abbandono a causa della non cura e della scarsa manutenzione reiterata nel tempo.
 In questo complesso residenziale abitano oltre 400 famiglie, per lo più numerose e con bambini, che negli ultimi dieci hanno più volte segnalato il diffuso e crescente degrado presente dinanzi alle loro abitazioni.
 A tal proposito si ritiene che sarebbe certamente necessario un intervento più ampio di riqualifica dell'intera area (come richiesto dai cittadini residenti con una recente raccolta firme). Per i fini previsti dal bilancio partecipativo in questo progetto si comprende solo la parte delle nuove opere, sull'area indicata all'allegato B, ritenuta  adatta per accogliere infrastrutture quali giochi bimbi, panchine e attrezzi per ginnastica con tavoli e opere necessarie (illuminazione, bacheca avvisi/regolamento area e cestini, recinzione) .  


BISOGNI SU CUI AGISCE IL PROGETTO
La zona di via Marconi /via Sidoli è una delle aree più recenti del quartiere, costruita in tempi in cui, terminare una lottizzazione, era un optional.
 I cittadini che hanno comprato le abitazioni non hanno mai ricevuto la giusta dotazione di servizi (via Savinio) oppure se ne sono visti privare (Zoni/Padova). 
Senza la presenza di aree o centri di aggregazione, la zona si riduce a quartiere dormitorio con il conseguente inevitabile degrado sociale e territoriale. 
Un'area pubblica attrezzata crea presidio e stabilisce un uso corretto del suolo pubblico. 
Si ritiene inoltre importante e necessario intervenire in quanto, in questa parte di quartiere, si possono osservare diverse aree verdi, sia su suolo pubblico che privato, in stato di abbandono che generano conseguentemente malcontento nella popolazione residente. 

MOTIVAZIONI
Come per gli altri progetti simili, la motivazione è la necessità di creare nuclei di integrazione sociale fondamentali per permettere l'interscambio culturale, la creazione di una coscienza di quartiere e la partecipazione dei cittadini alla vita comune.
 I cittadini residenti nella zona di via Savinio e via Zoni potranno svolgere le loro attività di svago o sport nell'area attrezzata senza dover emigrare in altri quartieri o altre zone limitando così anche l'uso dell'automobile per gli spostamenti del caso.  
Restituire o garantire il decoro, l'ordine, l'armonia a queste aree, può favorire e promuovere il valore di una responsabilità civica condivisa e una cultura della partecipazione alla cura, al rispetto dell'ambiente da parte della popolazione. 
Degrado e abbandono dell'ambiente a loro volta favoriscono atteggiamenti vandalici, di non cura, di disinteresse da parte di chi lo frequenta o sarebbe interessato a frequentarlo.  
Così come riportato in premessa per l'intera area di via Zoni e precisamente relativa agli Stradelli pedonali Vernizzi, Tessoni, Nattini, Padova, sarebbe in realtà auspicabile un intervento complessivo di riqualifica da parte dell'amministrazione comunale. 
Per esempio si crede potrebbero essere anche previsti: il completamento della recinzione, la sistemazione delle grtadinate esistenti e delle panchine esistenti ed un'area cani debitamente attrezzata, vista l'assenza di aree simili in quella parte di quartiere.  
Si fa inoltre presente che il progetto parco Savinio-parco Zoni è frutto di segnalazioni e richieste specifiche direttamente pervenute tramite i residenti della zona che si sono inoltre attivati in autonomia promuovendo assemblee condominiali dedicate ed una raccolta firme a sostegno del progetto stesso. 
Le firme ad oggi raccolte e disponibili c/o il CCV Lubiana sono n. 170.

INTEGRAZIONE CON ATTIVITA' GIA' SVOLTE O IN VIA DI SVOLGIMENTO
La zona è molto percorsa da persone di tutte le età che passeggiano, fanno camminata veloce o  jogging. 
Le aree potranno essere di beneficio per permettere riposo o esercizi ginnici a chi sarà di passaggio durante la sua corsa. 

PRINCIPALI DOTAZIONI RICHIESTE
Principali dotazioni richieste Parco Savinio
Panchine e tavoli 
Lampioni  
Piazzole antiurto per attività e giochi  
La sistemazione delle aree su cui andranno posizionate le strutture andrà svolta nel modo più sicuro ed ecologico possibile al fine di scongiurare un ulteriore consumo di suolo verde.   
Attrezzature ginnastica e giochi bimbi    
Cestini, bacheca       
 Fontanella per acqua     
Stradello per percorso tra gli alberi )       
Alberi e cespugli         
Totale parco di via Savinio 

Principali dotazioni richieste Parco Zoni
 Panchine 
Piazzole attività motoria e giochi La sistemazione delle aree su cui andranno posizionate le strutture andrà svolta nel modo più sicuro ed ecologico possibile al fine di scongiurare un ulteriore consumo di suolo verde 
Attrezzatura per ginnastica e giochi bimbi 
Lampione (anche fotovoltaico) 
Cestino e bacheca con tettoia 
Recinzione in legno area giochi 
Totale parco di via Zoni